sabato 5 aprile 2014

Contraddizioni - Filippo Minelli


"Sono stato colpito  da come in questi anni lo sviluppo tecnologico riesca a far dialogare la gente sui social network, ma invece di dare più libertà alle persone, la gente viene ingabbiata. Ormai il 90 per cento dei discorsi dei giovani ruota intorno a Facebook , la realtà diventa solo quella di quei mezzi, ma è una sorta di pubblicità personale, sembra che la vita sia quella finta. Il mondo reale, però, è una cosa diversa dall'Occidente. Anche io  uso questi strumenti, ma la gente viene presa da una sorta di distacco percettivo. Google, ad esempio, non sembra pericoloso, ma ormai fa parte della vita di milioni di persone e il fatto che nessuno ne parli dimostra quanto non ci si renda conto di ciò che si fa". Filippo Minelli


Flickr" (2007); Phnom Penh, Cambogia


Quando si digita " Flickr " o " Facebook" o " YouTube" in un browser , cerchiamo di entrare in reti sociali e godere di una comunicazione sicura e l'interazione con un vasto numero di utenti da tutto il mondo . La maggior parte di noi dà per scontato che queste parole sono comprensibili per gli altri nello stesso modo , ma cosa succede se invece di digitare queste parole su una tastiera li dipingiamo sui muri delle baraccopoli in Mali , Cambogia e Vietnam ? certamente cambierebbe il loro significato  .
Negli ultimi anni l'artista italiano ha prodotto land art che consiste nello scrivere i nomi delle reti e le aziende sociali sulle pareti delle baraccopoli nei paesi in via di sviluppo. L' obiettivo del progetto  "contraddizioni"  è " di sottolineare il divario tra la realtà in cui ancora viviamo e il mondo effimero delle tecnologie . "
Le opere di Minelli sono presentate come saggi fotografici,  creano una sorta di perturbazione cognitiva ,vedere "YouTube ", dipinto sulle pareti di una baraccopoli in Cambogia , piuttosto che nei nostri schermi è contraddizione linguistica e politica?
L'esistenza  ora  è non solo definita topologicamente , ma è anche prevedibile, il futuro può anche essere previsto attraverso i dati on-line  in  questa situazione  c'è poco spazio per la libertà umana .


"Second Life" (2007); Phnom Penh, Cambogia


Minelli  dipingendo  la scritta  " Second Life " sui muri dei bassifondi della Cambogia , indica l'esistente  contraddizione tra questi due mondi ( il capitalismo tecnologico avanzato e la sua detriti sociale ) - ed è anche la divulgazione dei limiti imposti da queste reti sociali . Queste reti ,  di Internet in generale , sono il culmine  dell'esistenza umana , la sostituzione di stare con gli esseri ( gli oggetti) - con l'organizzazione tecnologica globale del mondo .
Fotografie dell'artista  non sono punti di arrivo per la nostra contemplazione estetica , ma piuttosto punti di partenza per cambiare il mondo . Il fatto che Minelli ha ora esteso il suo progetto a diverse parole ( "Control - Alt - Delete " e " democrazia" ) sulle frontiere pericolose ( Qualandyia Checkpoint ) e nelle nazioni instabili ( Mauritania) è un'indicazione che il suo lavoro è guidato dalla speranza di emancipazione , cioè, la salvezza .


YouTube" (2007); Phnom Penh, Cambogia


Filippo Minelli, nato a Brescia il 16 febbraio 1983, è un graffiti-writer concettuale , si è dedicato per una decina d’anni ad azioni di  comunicazione urbana. Il suo percorso nella graffiti art tradizionale inizia a metà anni novanta ma le produzioni graffiti non riusciranno mai a soddisfare pienamente l’artista. Nel duemila Filippo inizia a sperimentare azioni di comunicazione urbana sull’onda  del movimento "Street Art" del quale è un pioniere per l’Italia.
"l'arte di Filippo Minelli costringe sia il frequentatore occasionale delle sue opere, sia i suoi appassionati, ad una ginnastica intellettuale, stuzzicando nelle menti graffianti contrasti"Vittorio Sgarbi


fonte : http://opinionator.blogs.nytimes.com
http://www.filippominelli.com/