domenica 3 febbraio 2013

d : poesia



Esilio

E quelle notti terribili
sotto l'immensa cupola
e quelle ore rosse
rosse e piene di amarezza
ed il tempo che scorre
trasportando nei paesi che dormono
e che sconquassa quest altro
contro il muro di un palazzo
in questo tempo che se ne va
non importa dove, non importa quando
che mi trascina allo stesso tempo
laggiù, lontano laggiù
fuori dalla mia terra natia
battendo la mia carne come un tam – tam
divenuta più secca e più fragile
o tristezza che batti le ali contro l'anima mia!
In quale porto degno della mia condizione d'uomo
getterai tu l'ancora

F.G. Mavoungou Badinga