martedì 17 dicembre 2013

Anders Petersen - Fotografie


"Non credo di avere uno stile particolare , 
di certo ho un approccio particolare : amo la gente ".
 Anders Petersen




Per la prima volta a Parigi, presso la Bibliothèque nationale de France, una grande mostra monografica dedicata a Anders Petersen . Le 330 fotografie esposte non sono destinate ad essere viste come una retrospettiva, ma uno splendido viaggio nel corso di mezzo secolo attraverso l'opera  del famoso fotografo svedese.



" Abbiamo il privilegio di presentare nella galleria Mansart della BnF le opere di un fotografo il cui talento è ormai universalmente riconosciuto e celebrato ".  Bruno Racine , presidente della BnF .  Nelle foto di strada nei  ritratti i dettagli della vita quotidiana , insignificanti o stravaganti , sono enfatizzati attraverso un' inquadratura quasi eretica , né rugosità né voyeurismo , né compiacimento sono autorizzati a contaminare la sua sincerità assoluta verso gli altri . 




La mostra si propone di mostrare la stupefacente plasticità del lavoro di Petersen .  l'artista considera la fotografia come un mezzo collettore che offre una vasta gamma di possibibilità ,  stampe d'epoca  armoniosamente accanto a stampe digitali , grazie al layout audaci , liberi e adattabili come impianti , questi fotografi di foto ne mostrano non solo una visione del visibile , ma anche una ricostruzione del visibile , un modo per organizzare il caos del mondo .




Anders Petersen è un'esperto di situazioni limite, al confine: il suo primo approccio alla fotografia è Café Lemhitz, un progetto in bilico tra l'essere un diario privato e un album di ricordi di una famiglia disfunzionale, una costellazione di persone che vivano ai margini della rispettabile società borghese dell'epoca, e da cui lo stesso Petersen proveniva.




Anders Petersen è nato nel 1944 a Stoccolma, in Svezia,  studia fotografia con Christer Stromholm. Nel 1967 inizia a fotografare le notti tra prostitute, travestiti, ubriachi, amanti e tossicodipendenti in un bar di Amburgo chiamato Café Lehmitz. Il progetto dura tre anni e dà vita ad un libro pubblicato otto anni dopo in Germania che viene considerato fondamentale nella storia della fotografia europea.
Petersen insegna prima presso la scuola di Christer Stromholm e poi diventa direttore della Scuola di Fotografia e Cinema di Göteborg.
L’artista prosegue la sua indagine nelle carceri, nei manicomi e nelle case per anziani. Per un lungo periodo vive in una prigione di massima sicurezza per realizzare le fotografie del libro Fangelse (Norstedt, 1984). Eletto fotografo dell’anno a Les Rencontres d'Arles nel 2003, nel 2005 viene invitato da FOTOGRAFIA - Festival Internazionale di Roma a partecipare la Commissione Roma, progetto con il quale un fotografo di fama internazionale realizza un ritratto della città in totale libertà interpretativa: nasce così Rome, a diary un diario di scatti e personaggi alienati, isolati dal contesto e non facilmente riconducili all’idea convenzionale della Capitale.
La forma del diario per immagini destabilizzanti e violente torna anche nel 2009 con Dear Diary (Gun Gallery, 2009) e inCity Diary (Steidl, 2011); costanti sono, negli anni, i riconoscimenti internazionali; nel 2010 Petersen è anche giudice del BMW Prize a Paris Photo.
"io sono interessato a ciò che sta dietro e se sei un tipo curioso avere una macchina fotografica è un privilegio. . . Non avrei mai potuto passare il tempo in una prigione o un ospedale psichiatrico, se non avessi avuto questo strumento di lavoro. Mi interessava l'idea del tempo bloccato e il concetto di libertà, così ho imparato molte cose".






Anders Petersen 
Curatore Anne Biroleau
Bibliothèque nationale de France , Parigi 
fino al  2 febbraio 2014
info : www.fnac.com  
fonte : www.bnf.fr