domenica 1 dicembre 2013

POESIA


Carlo Cordua 



Mi sta a cuore

chi riconsacra la vita

per cancellare la nostra viltà,

chi fa un piccolo passo per volta

senza sapere la distanza,

chi mantiene gli occhi aperti

nella lunga attesa.

Mi sta a cuore

il tuo soffrire per poter cambiare,

il tuo sforzo per riuscirci e guarire,

il tuo smarrirti per arrivare a capire.

Mi sta a cuore

chi rimane mite oltre le lingue maligne,

lo scherno degli egoisti

e le consuetudini di ogni giorno.

Mi sta a cuore

chi è fedele al poco e al mistero,

a qualunque trama di vita

pazientemente tessuta.

(tratta da "Preghiere a Romena", di don Luigi Verdi)