domenica 22 settembre 2013

POESIA





Néglia 

“Mbrónte sbatte sèmpe ’u stesso 
chiuóvo, ’u penziéro 
ca ’i ccose, strujènnose, na specie 
’i néglia spànneno pe’ ll’aria addó
 ’i muórte e ’i vive
 s’amméscano, tutto chéllo 
ca nun ce stò cchiù e chéllo 
c’à dda venì.

Che s’annascónne rint’ ’u stipo? 
Comme fò ll’acqua
a se carriò appriésso ’a luce
 e ll’ombre r’ ’u munno?

’Nzisto ’mbrónte sbatte ’u rummóre
 r’ ’i rrammère ca nu viénto 
’nzisto sbatte: e tu pe’ dinto 
’a‚ stessa néglia vaje
penzanno a tutto chéllo ca nun ce stò cchiù 
e a chéllo c’à dda venì.


Nebbia

Batte alle tempie sempre lo stesso
 chiodo, il pensiero 
che, consumandosi, le cose una sorta 
di nebbia spandono nell’aria dove
i morti e i vivi 
si confondono, tutto quello
 che non c’è più e quello
 che deve arrivare.

Cosa si nasconde nello stipo?
 Come fa l’acqua 
a trascinarsi dietro la luce 
e le ombre del mondo?

Batte ostinato alle tempie il rumore
 delle lamiere che un vento 
ostinato agita: e tu dentro
 la stessa nebbia vai
pensando a tutto quello che non c’è più 
e a quello che deve arrivare.

Michele Sovente 




Michele Sovente , (Monte di Procida, 28 marzo 1948 – Monte di Procida, 25 marzo 2011) docente all'Accademia di Belle arti di Napoli - dove ha insegnato Antropologia culturale . Michele Sovente ha esordito nel 1978 con «L'uomo al naturale» (Vallecchi) cui sono seguite le raccolte «Contropar(ab)ola» (Vallecchi, 1981), «Per specula aenigmatis» (Garzanti, 1990), «Cumae» (Marsilio, 1998), «Carbones» (Garzanti, 2002), «Bradisismo» (Garzanti, 2008), «Superstiti» (San Marco dei Giustiniani, 2010). Numerosi i premi ottenuti: dal Viareggio al Morante fino al riconoscimento speciale del Premio Napoli .
Molte sue poesie sono scritte in tre versioni, napoletana, latina e italiana. La sua antologia poetica in napoletano è solo una parte limitata della sua feconda produzione artistica

"L'impatto folgorante e meraviglioso con la poesia, l'ho avuto con i versi di Michele Sovente che sapevano di sogni e di tufo, la sua lingua era contemporanea e arcaica, visionaria ma allo stesso tempo cosi radicata al nostro essere flegrei."   Geremia Longobardo 

L’associazione «Michele Sovente» in collaborazione con «Cappella Futura» presenta nell’antico Casale, domenica 22 settembre 2013  alle 19, "Di Sovente. Poesia, testi e parole di Michele Sovente": l’iniziativa è organizzata in ricordo del compianto poeta flegreo nell'ambito della kermesse " Borghi aperti ".