sabato 26 ottobre 2013

Borondo




Borondo (Segovia 1989, vive e lavora a Madrid) artista spagnolo conosciuto in Italia per la sua presenza al festival di street art OUTDOOR 2012 e con la personale ISTEROFIMìA alla galleria romana 999Contemporary, arriva a Roma nel 2011 a soli 22 anni grazie ad una borsa di studio vinta presso l’Accademia di Belle Arti della capitale, dove si è subito imposto sulla scena street-art divenendo una delle giovani promesse dell’arte contemporanea.


  Borondo realizza le sue opere  principalmente nello spazio urbano le  quali  interagiscono con strutture architettoniche e superfici di ogni genere. Il suo  stile è basato su un uso misurato del colore,  rappresenta principalmente  figure umane antropomorfe che esprimono, attraverso conturbanti pose, il loro carico emozionale , corpi umani  dipinti attraverso l’impiego di tinte monocrome che si amalgamano alla perfezione con gli edifici su cui sono realizzate.  Egli ha realizzato murales in numerose nazioni europee: dalla penisola iberica alla Polonia, dall’Italia (Roma) alla Grecia (Atene). Nel 2012, in primavera, viene chiamato a Madrid per un mostra insieme all’artista cinese An Wei, a luglio é il festival di street art internazione di Roma Outdoor. In agosto è in Polonia, patria dei grandi murales per una campagna di arte pubblica legale ed illegale dove si distingue per qualità e profondità delle sue rappresentazioni. In seguito sono Lorenzo Marsili e Valeria Cicala, organizzatori di Lungo il Tevere Roma, la più grande manifestazione estiva romana a volere una sua grande installazione di acciaio e vetro in mostra permanente sul lungotevere e a conferirgli il premio LTR ART AWARD come miglior artista emergente.


"Il suo lavoro si basa su ‘un’estetica classica espressa attraverso un linguaggio ultra-contemporaneo ma allo stesso tempo antico, anzi primordiale "Simone Pallotta  storico dell’arte
http://borondo.blogspot.it/