giovedì 31 ottobre 2013

Salone dell’editoria sociale





 La quinta edizione  del Salone dell'editoria sociale , nella sede di Porta Futuro al Testaccio ,   ha per titolo "la grande mutazione". Quella prodotta non solo dai sei anni di crisi economica che ha colpito il mondo dalla fine del 2007, ma da un trentennio di politiche neoliberiste che hanno cambiato la politica, la società, i modelli produttivi, i consumi, i comportamenti e persino l’antropologia di una parte consistente del nostro pianeta.
L'iniziativa, promossa dalle Edizioni dell'Asino, dalla rivista "Lo Straniero", dalle associazioni Gli Asini e Lunaria, dall'agenzia giornalistica Redattore sociale e dalla Comunità di Capodarco, propone più di 40 incontri, tra tavole rotonde, dibattiti, presentazioni di libri, video e concerti, con altrettanti editori, 130 ospiti italiani e stranieri e 22 stand con organizzazioni del volontariato e del terzo settore. 
L' iniziativa vuole offrire "un luogo, fisico e simbolico, per mettere in comunicazione chi opera nel sociale e chi nell’editoria, per interrogarsi sugli strumenti più utili per comprendere il mondo in cui viviamo e provare a trasformarlo".





"con questa edizione vogliamo ricordare che la crisi globale che stiamo attraversando non è contingente, né legata solamente al declino dei sistemi produttivi o di uno specifico modello economico. È anche una crisi sociale, ecologica, culturale, antropologica, etica e politica che per essere affrontata ha bisogno di qualcosa di più e di diverso di aggiustamenti o modeste riforme. Ha bisogno di una rivoluzione del modo di pensare, di comportarsi: di rimettere al centro la dimensione etica, dell’esempio, del “ben fare” e di un paradigma differente del rapporto tra economia e politica, ecologia e tecnica, società e individuo. Le decine di incontri, presentazioni di libri e tavole rotonde dell’edizione di quest’anno ci ricordano l’esigenza e l’urgenza di un cambiamento radicale dell’ordine esistente. (Giulio Marcon e Goffredo Fofi)






Si parlerà dell'Europa e del suo futuro nell'incontro "Che fare con l'Europa? " con l'intellettuale polacco Adam Michnik ed il sociologo tedesco Claus Offe mentre l'inglese Colin Crouch ragionerà su "La società dei diseguali. Welfare, politica ed economia nella grande crisi". Alle politiche dell'occupazione e alla tutela sociale è dedicato l'incontro "Reddito e lavoro" con Massimiliano Smeriglio, Giorgio Airaudo e Guy Standing. Tre tavole rotonde riguardano i "maestri necessari", la prima su Dossetti, la seconda su Karl Polanyi e la terza sul lavoro storiografico di Silvio Lanaro. Molti gli incontri su diritti, negati e da promuovere, ai quali parteciperanno, fra gli altri, il ministro per l'integrazione Cécile Kyenge, Luigi Manconi, Stefano Rodotà, Ilaria Cucchi e Giovanni Bianconi. 
Il regista Andrea Segre presenterà il film documentario "Indebito - un viaggio musicale di Vinicio Capossela nella crisi greca". Tre gli appuntamenti con la grande letteratura: l'omaggio al cileno Roberto Bolano con Goffredo Fofi, Nicola Lagioia, Jaime Riera Rehren e le letture dell'attore Fabrizio Gifuni; l'intervento di Andrej Volos, autore del romanzo epico "Churramabad" e il dialogo su "Letteratura e denaro" tra il critico Alfonso Berardinelli e Walter Siti, Premio Strega 2013.


 Salone dell'editoria sociale , quinta edizione  
Porta Futuro , Testaccio Roma 
fino a domenica 3 novembre 2013
info http://www.editoriasociale.info