domenica 25 marzo 2012

Morire a se stessi moltiplica la vita


"Ogni uomo e donna sono chicco di grano, seminato nei solchi della storia, della fa­miglia, dell'ambiente di la­voro e chiamato al molto frutto. Se sei generoso di te, di tempo cuore intelligenza; se ti dedichi, come un atleta, uno scienziato o un inna­morato al tuo scopo, allora produci molto frutto. Se sei generoso, non perdi ma mol­tiplichi la vita." Ermes Ronchi

foto di Andy Prokh

"Guardo le mie mani che hanno impastato tanta vita di un così pazzo amore. L’amore nasce dal palmo di una mano che getta il seme e da uno sguardo che si apre all’infinito. Ma non sempre tutto è andato diritto, non tutto è stato curato.
Ho mani sformate dalla nascita e occhi impauriti da una timidezza aggressiva che mi hanno reso il pane amaro e il senso incerto per il primo tratto di vita.
La vita chiede il conto per ogni nostra fuga, fino a quando non sentiamo che c’è un amore e un rispetto di noi stessi che devono essere più forti del dolore e della paura, fino a quando non comprendiamo che dobbiamo smettere di fuggire e vivere la stessa dimensione coraggiosa della vita"
di Luigi Verdi "Il domani avrà i tuoi occhi!